Mostra 3 Risultato(i)
Come verificare se Fastweb è stato attivato?
Servizi

Come verificare se Fastweb è stato attivato?

Molti consumatori si pongono la domanda: quando inizia effettivamente un contratto ADSL?

Il giorno in cui il cliente ha compilato e inviato il modulo su Internet o in cui ha firmato un contratto in negozio?

È il giorno in cui il provider ha ricevuto la conferma dell’ordine o anche il giorno in cui viene eseguita la connessione?

Diverse richieste che abbiamo ricevuto mostrano che a volte c’è una grande incertezza su questo tema. La maggior parte dei clienti nota la trappola solo dopo esserci caduta.

I clienti di Internet devono attualmente convivere con il fatto che le procedure vengono gestite in modo diverso da ciascun provider. Ad esempio, per quanto riguarda la verifica dell’attivazione di Fastweb, descritta passo passo da chetariffa.it, prevede che il cliente acceda alla sezione MyFASTPage, nell’area dedicata a coloro che sono già clienti fastweb: in questa area riservata il cliente potrebbe ottenere a schermo tutte le informazioni necessarie, senza lunghe attese telefoniche o code infinite negli store del flagship in oggetto.

I consumatori dovrebbero studiare attentamente i termini e le condizioni del loro fornitore in merito a questo problema per scoprire in quale data il venditore considera l’inizio del contratto.

Avrebbe anche senso se i fornitori dichiarassero suddetti termini di attivazione chiaramente nelle loro comunicazioni l’inizio del contratto. Ciò significa che i clienti, SE NON SODDISFATTI, potrebbero inviare una risoluzione tempestiva del contratto stesso, e nelle tempistiche di legge. Tutti i fornitori, come Fastweb, dovrebbero fare della correttezza un’abitudine. La trasparenza e la chiarezza contrattuale sono un must, soprattutto se si tratta di servizi non tangibili come la connessione Internet.

Cosa fare quando sei connesso a un router Wi-Fi e non hai internet, ma il tuo contratto Fastweb è attivo

Sicuramente più di una volta ti sei trovato in questa scomoda situazione: a un certo punto hai notato che, nonostante ti sia connesso al router tramite Wi-Fi Fastweb o cavo, non hai ancora Internet su un cellulare, laptop o computer desktop. Hai controllato online e il contratto Fastweb è stato attivato.

Bene, ci sono molte ragioni per cui possiamo trovarci senza Internet nonostante siamo connessi in quel momento al router, che apparentemente ha una connessione Internet attiva. Niente paura! Ti forniremo alcune delle soluzioni più comuni, che possono sicuramente farci uscire da questa situazione.

Verifica la connessione Wi-Fi

La maggior parte delle volte, la soluzione alla mancata connessione Wi-Fi o al router Internet è la più semplice: hai semplicemente disabilitato il Wi-Fi del tuo dispositivo che ti collega a Fastweb. Ripristinalo ed il gioco è fatto!

Prova a connetterti con altri dispositivi

Un passaggio fondamentale per sapere cosa sta succedendo è provare a connettersi da altri dispositivi. Nel caso in cui anche loro non abbiano Internet, ovviamente il problema sarà legato al router, altrimenti non avrà nulla a che fare con esso.

Riavvia il dispositivo che stai utilizzando

Può sembrare un gioco da ragazzi, e il tipico consiglio inutile di turno, ma riavviare qualsiasi dispositivo, sia esso un PC, un laptop o un cellulare, può riportarci alla normalità. A volte i driver di dispositivo, le modifiche al software o un conflitto temporaneo possono compromettere la connessione.

Riavvia il router Fastweb

È la terza opzione, ma potrebbe benissimo essere la prima opzione quando si incontra un problema di questo tipo. Molte volte sarà sufficiente riavviare il router perché Internet funzioni di nuovo, come conseguenza, ad esempio, di IP scaduti.

Per fare questo, dobbiamo solo premere il pulsante di spegnimento o, in caso di mancanza, scollegarlo. Possiamo farlo anche dal menu del router, a cui possiamo accedere dall’indirizzo IP 192.168.0.1 o 192.168.1.1 nel browser.

Fatti aiutare da Windows

Possiamo provare a utilizzare lo strumento di risoluzione dei problemi di rete di Windows 10, se abbiamo problemi da un PC. Dobbiamo inserire ” stato della rete ” ed avviare questo procedimento di risoluzione, che ci porrà una serie di domande e cercherà di verificare fino a che punto ci sono problemi all’interno della nostra rete.

Disabilita l’antivirus

È uno dei problemi più comuni quando si tratta di rimanere senza Internet sul dispositivo, soprattutto se si tratta di un PC. Non sarebbe la prima volta che un antivirus bloccasse la connessione Internet per motivi di sicurezza, creando un firewall dove non è necessario.

Ripristina la rete

C’è un’altra alternativa, come fare un “reset” alla rete, questo rimuoverà e reinstallerà tutti i driver e gli adattatori di rete. Tornerà alle impostazioni iniziali per provare a far funzionare nuovamente la connessione Internet.

Controlla la velocità della tua connessione

Una volta ristabilita la connessione Internet Fastweb, la cosa più appropriata da fare è fare un test di velocità, per verificare che tutto funzioni correttamente e che abbiamo recuperato le velocità precedenti a questi disguidi tecnici. Per fare ciò non ti resta che entrare nel test di velocità e avviare lo speedtest connesso al router.

Come effettuare un'analisi SEO sito web di arredamento
Servizi

Come effettuare un’analisi SEO sito web di arredamento

Una strategia decisamente ottimale al fine di effettuare un’analisi SEO per un sito web (segui i consigli di Gianpaolo Antonante) di arredamento è composta da numerosi step da seguire con attenzione. Il primo step consiste nello studio dei buyer persona: questi consistono nei clienti ideali, ossia quelli che si vorrebbero avere. E’ quindi necessario scoprire quale potrebbe essere il social network che preferiscono, al fine di interagire maggiormente con quello, scoprendo anche cosa scriverebbero su Google al fine di trovare i prodotti presenti nel proprio business. Questo potrebbe consentire di trovarli in maniera più semplice e movimentarsi di conseguenza.

Ricerca delle Keyword

Il secondo step consiste invece nella ricerca delle keyword: queste consistono in parole chiave scritte dagli stessi buyer persone nelle barre di ricerca dei browser al fine di ricercare determinati prodotti. E’ quindi necessario scegliere quale keyword utilizzare, e per farlo si potrebbe decidere di comperare ed utilizzare differenti strumenti per la SEO per poi creare un file Excel ordinato. E’ anche possibile, al fine di scegliere una nuova keyword, utilizzare direttamente il software HubSpot, abbastanza veloce. Per quanto riguarda invece il nome della keyword, ci si deve basare su quelle più popolari e quelle meno popolari a propria scelta: il posizionamento del sito dipende in parte da quelle keyword.

E’ importante posizionare il proprio sito tra le prime pagine e far sì che le keyword scelte siano quelle più ricercate. Se si ha un sito multilingua, è anche possibile agevolarsi con numerose keyword importanti.

Aprire un blog

E’ possibile far crescere il proprio business anche tramite un blog apposito. In particolar modo è possibile aprire dei blog aziendali che riescono a trovare nuovi clienti e contatti grazie ad articoli e altri fattori abbastanza interessanti e soprattutto creativi. A tal proposito, è anche altamente consigliata la scrittura di nuovi contenuti per ciascun post: è necessario concentrarsi su un unico argomento che non sia quello della propria bravura o del proprio business, bensì del proprio settore al fine di infondere fiducia e stabilire un rapporto ottimale.

Ottimizzazione delle pagine SEO

Un ulteriore step da poter effettuare consiste nello seguire ogni singola strategia SEO che si conosce al fine di ottimizzare le pagine del proprio sito e blog: a tal proposito, è possibile utilizzare HubSpot, che può ottimizzare le pagine che hanno la funzione SEO view. Questo permette di stabilire quali siano gli errori commessi e consente quindi di correggerli.

Attendere

Seppur possa sembrare alquanto strano come step, al contrario bisogna attendere che i nuovi clienti possano raggiungere i nuovi post. Se infatti sono stati seguiti perfettamente tutti gli step sarà sufficiente aspettare che queste persone abbiano bisogno di un prodotto presente nel sito, e che quindi lo ricerchino e lo trovino. I clienti sono infatti non solo tali, ma anche degli impiegati o delle persone che hanno svariati interessi e faccende, per le quali sono necessari anche degli strumenti: se questi saranno facilmente trovati nel proprio sito e questo farà anche una ottima impressione, allora è sicuramente probabile che i potenziali clienti diverranno dei clienti sicuri e, specie col passare del tempo, abituali. A tal proposito è quindi consigliato di curarsi bene del sito e della sua interfaccia al fine di renderne il suo utilizzo semplice.

Come un SEO specialist può aumentare la visibilità di un portale immobiliare
Servizi

Come un SEO specialist può aumentare la visibilità di un portale immobiliare

Molti settori commerciali sono stati oggetto di modifiche e trasformazioni, nel corso degli ultimi anni, grazie all’applicazione della tecnologia che ha reso possibile un cambiamento sostanziale nelle abitudini della nostra quotidianità: quando dobbiamo effettuare un pagamento, pagare una bolletta, fare un regalo o acquistare un prodotto per noi, sempre più spesso ci rivolgiamo ad Internet, che è uno strumento efficace, veloce, ed ormai anche sicuro, che ci permette di risparmiare molto tempo e denaro. Questi sono solo dei banali e semplici esempi che riguardano per lo più le cose semplici del nostro vivere quotidiano, ma in realtà molti settori sono stati trasformati con l’avvento di Internet e soprattutto della SEO, attraverso la quale oggi possiamo posizionare in prima pagina su Google il nostro sito web o il nostro e-commerce o la nostra attività. L’attività SEO è svolta in genere da SEO specialist, di cui puoi leggere qui approfondimenti.

Questo vale anche per il settore immobiliare, anch’esso sempre più presente in rete: questo non significa che il lavoro dell’agente immobiliare sia ormai finito, ma significa che il suo ruolo viene in qualche modo implementato dall’uso di Internet, che rappresenta anche per le agenzie immobiliare una risorsa in più, attraverso la quale far conoscere le case in vendita o in affitto ai potenziali acquirenti, rendendo così molto più veloce la compravendita anche per i venditori.

Grazie alla presenza delle agenzie immobiliari anche in rete, infatti, sia i venditori che gli acquirenti possono godere delle innovazioni tecnologiche offerte dal web: il venditore sa che la sua casa potrà godere di una vetrina molto più efficace rispetto a quella fisica e territoriale, e quindi potrà vendere molto più facilmente il suo immobile dal momento che esso arriverà più velocemente ad un’ampia varietà di persone; l’acquirente ha la possibilità di visionare in rete e quindi senza impegno le immagini e le descrizioni delle case in annuncio, facendo quindi una preselezione di ciò che interessa veramente e che può fare al caso proprio. Secondo alcune ricerche, per esempio, più del 90% degli utenti parte dalla ricerca in rete per trovare la casa dei propri sogni: e questo è un aspetto che non dobbiamo affatto sottovalutare perché ci comunica l’importanza della visibilità online anche per il settore immobiliare.

Tutto questo però è imprescindibile dalla SEO, dal momento che se un’azienda o un’agenzia non ha un sito web ottimizzato per il mondo online non va da nessuna parte: sembra crudo da dire, ma è davvero così. Se nessuno conosce il tuo sito web, nessuno verrà a cercarlo perché nessuno digiterà un indirizzo che non conosce: quindi, se il tuo sito web viene ottimizzato per Internet, con informazioni pertinenti, contenuti multimediali ottimizzati, inserimento di parole chiave, link building, e strategie non solo on page ma anche off page, c’è la reale possibilità di migliorare il posizionamento organico e quindi arrivare ad un pubblico sempre più vasto.

In poche parole, lo scopo del consulente SEO che opera per migliorare il posizionamento organico di un sito che riguarda un’agenzia immobiliare è quello di far sì che il sito web venga visto da più persone possibili, in maniera da ottenere visibilità, traffico organico e guadagni.

Affidarsi ad un consulente qualificato significa aver fatto già meta del lavoro: quindi, l’esperienza del tecnico specialista in SEO a cui ci affidiamo è fondamentale per far sì che i risultati siano ottimali, anche se (e questo è un aspetto davvero importante) i risultati di un lavoro anche fatto benissimo saranno visibili dopo qualche mese, e non nell’immediato.

Bisogna inoltre ricordare che l’ottimizzazione va fatta sia pensando a Google (e quindi seguendo le regole e le strategie che possono aumentare la capacità del sito di essere indicizzato e posizionato dal motore di ricerca) sia avendo come riferimento gli utenti, i loro bisogni, i loro dubbi e le loro necessità: un sito deve essere navigabile, veloce, ed intuitivo, soprattutto per rendere ottima l’esperienza di navigazione dell’utente e far sì che sia spinto a rimanere sul sito per cercare le informazioni di cui ha bisogno.

Dal punto di vista SEO, quindi, bisogna puntare su:

  • Ottimizzazione del sito web per le ricerche locali dei potenziali clienti, con keyword locali che permettano all’utente di trovare subito l’informazione di cui ha bisogno, e quindi di creare contenuti ad hoc. L’associazione a Google My Business (con una scheda locale ben dettagliata) potrebbe essere fondamentale in tal senso;
  • Ottimizzazione del sito web per la creazione dei contenuti, che sono fondamentali per informare l’utente e per trasformarlo in potenziale cliente: infatti, i testi devono essere non solo di qualità e non copiati, ma anche ricchi di dettagli informativi reali e pertinenti, e corredati di immagini (anch’esse ottimizzate in chiave SEO puntando sull’alt tag);
  • Ottimizzazione del sito web per navigazione da smartphone: infatti, il sito deve essere facilmente navigabile anche attraverso l’uso dello smartphone, e quindi deve essere mobile friendly. In caso contrario, un utente difficilmente rimarrà su un sito web che non è facilmente navigabile da smartphone e che presenta difficoltà di caricamento, cattive impostazioni del layout con caratteri piccoli, ecc;
  • Creazione di una buona e strutturata link building: la costruzione di link è fondamentale per ricevere traffico organico e naturale. Bisogna però tenere a mente un fatto importantissimo: infatti, i link devono essere sempre provenienti da portali autorevoli, e quindi pertinenti e coerenti con il settore ed i contenuti.