Arredamento

I pavimenti in graniglia tornano di moda nelle grandi città, idee e consigli di stile

I pavimenti in graniglia tornano di moda nelle grandi città, idee e consigli di stile

I pavimenti in graniglia sono tonati di moda, ma spesso trovare l’arredamento giusto non è semplice. Per gli interior designer di oggi è una vera sfida, una missione molto stimolante che vede in campo anche quelli ingaggiati dalle agenzie immobiliari. Infatti sono moltissime le case in vendita a Roma, Milano, Genova, Torino e in tutte le grandi città italiane che mantengono questo stile rétro ma raffinato. Si tratta di case di un tempo, da ristrutturare o pronte all’uso che hanno spesso anche un’allure signorile e di interesse storico o artistico per questo vanno mantenute originali il più possibile. Scopri qui tutti i consigli di stile per ammobiliare al meglio la tua dimora con pavimenti in graniglia d’antan.

Come sono fatti i pavimenti in graniglia

I pavimenti in graniglia sono un vero status symbol della cultura architettonica italiana, anche se nati come prodotto economico e di riciclo. Sì, possiamo dire che le mattonelle in graniglia era all’epoca un rudimentale, ma stilisticamente meraviglioso, esempio di riciclo creativo di materiali di scarto. Queste mattonelle che caratterizzavano molte dimore anche signorili, erano realizzate mediante gli scarti della lavorazione del marmo e di altre pietre. Gli avanzi poi venivano assemblati con del cemento, colorati eventualmente con degli ossidi naturali e poi impastati con dell’acqua. Le formelle in graniglia, solitamente di medio-grandi dimensioni, si chiamavano anche con altri nomi, per esempio: baldosa, oppure terrazzo tiles. Oggi i pavimenti in graniglia sono tra i più comuni nelle case in vendita a Roma e in tutte le grosse metropoli italiane, specie presenti nei vecchi condomini o nelle ville Liberty e più recenti. Sono rivestimenti che si tende a riutilizzare e a valorizzare perché simbolo di un’epoca e anche stilisticamente affascinanti specie se in buono stato conservativo.

Come abbinare i pavimenti in graniglia all’arredo, idee di stile dai pro

Sicuramente i sarai chiesto più e più volte come abbinare i pavimenti in graniglia all’aredamento di casa. Certo, spesso si tratta di rivestimenti molto sgargianti o comunque scenografici e che mixano diverse nuance e forme, il che rende l’interior design non sempre agevole. Se poi cerchi un mobilio iper moderno potresti davvero fare fatica a creare un ambiente armonioso, ma nulla è perduto, anzi. Ci sono veri stratagemmi suggeriti dai pro su come abbinare mobili, anche contemporanei, al pavimento in graniglia che di per sé ha un mood rétro. Per prima cosa soffermati ad osservare la graniglia e cerca tutte el sue sfumature, le colorazioni che la compongono. Trova quelle che preferisci e che potrai replicare nell’arredamento di casa, basta sceglierne due, al massimo tre. Opta per i colori neutri (bianco, grigio, nero, beige, marrone) per la maggior parte di mobili e complementi, mentre le nuance più vivaci sono da replicare nei suppellettili, nell’illuminazione, nelle decorazioni. Facciamo un esempio di una casa in vendita a Roma: la graniglia è ocra, blu e beige, quindi utilizzerai il blu e il beige per divano, libreria, tavolo e sedie, colore alle pareti, mentre in ocra avrai le lampade, i cuscini del sofà, il tappeto, ecc.

Case in vendita: meglio lasciare i vecchi rivestimenti?

Stai valutando delle case in vendita Roma, a Milano, a Torino, a Genova o in altre grandi metropoli italiane? Se sì sicuramente avrai trovato dimore con pavimenti in graniglia e ti stari pure chiedendo se lasciarli o meno. Qual è la risposta? Beh, ogni caso è a sé, se per esempio il pavimento è in buono stato potersti decidere di tenerlo, specie se è di valore e se ti piace. Se invece vuoi proprio disfartene fallo se è poco curato, se ci sono da rifare tutte le fighe e se mancano molte parti. In questo caso scegli un rivestimento in resina perché permette di evitare opere murarie: lo stendono i professionisti direttamente sul vecchio pavimento mantenendo uno spessore slim. Così eviterai anche di dover cambiare le porte o di limarle e spenderai molto meno, oltre a poter entrare molto prima nella tua nuova casa.