Consigli utili

Manutenzioni piscine: come fare

Come fare manutenzione alla piscina

Che siano interrate o fuori terra, la manutenzione delle piscine è importante per mantenere alto il loro valore. Pulire la piscina significa soprattutto pulire l’acqua, che andrebbe controllata settimanalmente onde evitare che si formi la mucillagine verde oppure appaiano batteri pericolosi. 

Quanto costa la manutenzione di una piscina interrata? 

Ti sei spalmato di crema solare e sei andato in piscina. Ma poi, hai notato che i filtri non funzionavano o la piscina era piena di foglie e insetti morti. Sicuramente ti sei dimenticato della manutenzione piscina. Il costo medio di una manutenzione della piscina è di 3.000 euro, incluse pulizia e utenze. 

I prezzi possono variare dai 1.200 euro all’anno per la semplice manutenzione fino 5.000 euro all’anno per la manutenzione standard, oltre alle riparazioni. Tuttavia, con il mantenimento piscina regolare, non devi preoccuparti di rovinare il tuo giorno libero.

A seconda del tipo di piscina, i costi di manutenzione possono variare dai 150 ai 260 euro al mese. Le piscine interrate sono spesso più grandi e talvolta leggermente più costose da mantenere rispetto alle piscine fuori terra. Le piscine di acqua salata richiedono più manutenzione perché il sale può corrodere ed è più costoso del cloro.

Manutenzione piscina interrata: il costo? Tra i 50 e i 100 all’ora, con costi più elevati per le piscine più grandi. Il mantenimento totale varia da 3.000 a 5.000 euro. Ciò include la fornitura di acqua ed elettricità alla piscina, nonché la pulizia regolare e le riparazioni comuni, come una pompa intasata o un filtro sporco.

Manutenzione piscina: i costi? Il test dei livelli di pH dell’acqua, dei filtri e delle trappole, nonché di altre operazioni di manutenzione come la scrematura e l’aspirazione, costano tra gli 80 e i 150 euro al mese e tra i 960 e i 1.800 euro all’anno.

La chiusura di una piscina per l’inverno costa dai 150 ai 300 euro. Ciò include l’abbassamento del livello dell’acqua, la pulizia generale e la copertura.

Invece, l’apertura di una piscina quando torna il caldo ha un costo tra i 150 e i 300 euro. Se la piscina è diventata verde durante l’inverno, aspettati di spendere fino a 400 euro per riaprirla.

Per quanto riguarda l’acqua, il riempimento di una piscina tra i 55.000 e i 110.000 litri costa da 60 a 120 euro. Invece, il rabbocco della piscina durante la riapertura costa circa 0,004 euro per litro.  

L’elettricità per una piscina costa circa 300 euro all’anno per l’alimentazione di pompe, dell’illuminazione e del controllo della temperatura, ma per le piscine più vecchie con pompe meno efficienti può costare di più.

Infine le riparazioni. La maggior parte costa in media da 650 a 900 euro e include la sostituzione del motore della pompa, quella del filtro, la riparazione di una perdita o la riparazione dello scarico della piscina.

Come mantenere l’acqua pulita di una piscina? 

Se trascuri la tua piscina, l’acqua può diventare torbida, nebbiosa e persino verde molto in fretta. Ma bastano solo pochi passaggi da praticare regolarmente per mantenere la tua piscina limpida e scintillante in modo che sia sempre pronta per il divertimento familiare e tra amici.

Il mantenimento di livelli chimici adeguati nella tua piscina è il passo più importante per mantenere l’acqua cristallina. I livelli da monitorare sono il cloro e il pH. 

Il cloro è usato per uccidere germi e batteri nell’acqua della piscina, quindi svolge un ruolo importante nel mantenere l’acqua limpida. Invece, il livello di pH della piscina, che misura quanto sia acida o alcalina l’acqua, influenza l’efficacia del cloro nel mantenere l’acqua pulita. 

Utilizzare un kit per il test dell’acqua per misurare i livelli di cloro e pH circa due volte a settimana. Il cloro dovrebbe misurare tra 1,0 e 3,0 parti per milione, mentre il livello di pH dovrebbe essere compreso tra 7,2 e 7,6. Se il livello di cloro è basso, va nuovamente utilizzato. Se il pH, invece, è troppo alto, devi aggiungere acido all’acqua per aiutarla ad abbassarlo. 

L’acido muriatico e il bisolfato di sodio sono gli acidi più comuni utilizzati per abbassare il pH dell’acqua della piscina. Se il pH della tua piscina è troppo basso, aggiungi carbonato di sodio per ridurre l’acidità.

Anche se mantieni adeguati i livelli di cloro e pH nella tua piscina, l’acqua potrebbe aver bisogno di una piccola spinta per mantenersi limpida e frizzante. Una volta alla settimana, dovresti superclorare la tua piscina per uccidere eventuali batteri o alghe persistenti. 

Se hai notato la crescita di alghe sulle pareti della tua piscina, dovresti anche trattare l’acqua con un alghicida, un prodotto progettato specificamente per ucciderle. Le alghe possono trasformare l’acqua della piscina in verde, gialla o torbida, quindi è importante prevenirne la crescita.

Poi c’è il filtro della piscina, che svolge un ruolo chiave nel mantenere l’acqua cristallina poiché rimuove lo sporco e i detriti microscopici. Tuttavia, se vuoi che il tuo filtro funzioni correttamente, devi pulirlo regolarmente. 

Questo processo è chiamato controlavaggio e coinvolge l’acqua che scorre attraverso il sistema nella direzione opposta per pulire il filtro. Se la tua acqua inizia a sembrare torbida, è il momento di eseguire il controlavaggio del filtro. 

Come mantenere l’acqua pulita nella piscina fuori terra?

La manutenzione piscina fuori terra deve essere continua e regolare. Soprattutto l’acqua merita un trattamento particolare. 

Il filtro e la pompa sono parti critiche per la pulizia della piscina. Senza questi due elementi, ci saranno detriti e possibilmente condizioni di nuoto non sicure a causa delle sostanze chimiche che possono essersi introdotte nella tua acqua. Una pompa farà circolare l’acqua e la spingerà attraverso un filtro che la pulisce prima che rientri nella piscina.

Il filtro e la pompa della piscina fuori terra dovrebbero idealmente essere in funzione 24 ore al giorno per mantenere il flusso e la circolazione dell’acqua adeguati. Tuttavia, se non puoi lasciare acceso il sistema tutta la notte, fallo almeno per 12 ore in modo da mantenere un flusso adeguato.

L’acqua della piscina è fortemente influenzata da fattori come il tempo, i prodotti chimici, la frequenza di utilizzo e molti altri. Capire come questi fattori cambiano l’acqua ti aiuterà a risolvere il problema. Puoi testare la tua acqua utilizzando strisce reattive o un lettore di strisce reattive digitale.

I prodotti chimici per la piscina sono molto efficaci. Se il tempo e le sostanze chimiche esterne fanno aumentare o diminuire il pH dell’acqua, potrebbe essere necessario ridurre o aumentare il pH per poter ottenere un intervallo di pH adeguato. 

Di conseguenza, testare la tua acqua e regolare il pH assicura che i tuoi prodotti chimici funzioneranno correttamente, il che rende l’acqua della tua piscina sicura per nuotare.